Skip to content
Mia selezione

La Casa di Kurnik
la vita come possiamo solo ricordarla

Il luogo di nascita del poeta Vojteh Kurnik è un eccezionale esempio del patrimonio edilizio di Tržič. La casa con il suo piano terra in pietra, il piano superiore in legno, il tetto a scandole, la cucina nera e le aperture sul tetto per l’essicazione sono una miscela di architettura rurale e cittadina del XVIII, XIX secolo e della prima metà del XX secolo. La casa presenta l'ambiente residenziale di un'epoca passata, mentre una delle sale è dedicata alla vita e al lavoro del poeta.

La Casa di Kurnik occupa un posto speciale qui a Tržič. Dopo l’incendio del 1689, che trasformò la maggior parte delle case sotto la chiesa parrocchiale in cenere, a metà del XVIII secolo fu eretta una nuova casa sulle fondamenta di una che fu distrutta dall’incendio, ed è stata conservata fino ai giorni nostri.

La Casa di Kurnik è tra le testimonianze più preziose della cultura residenziale di Tržič

La sua storia di oltre 300 anni è affascinante. Nel corso del tempo la casa, che veniva chiamata dai locali “pri Rodarju”, cambiò i proprietari, nonché la sua forma e la sua funzione. Oggi porta il nome del poeta e carraio che nacque in questa casa nel 1826 - Vojteh Kurnik.

Il piano terra è costruito in pietra mentre il piano superiore è in legno, così come il tetto è ricoperto di scandole. Nel tetto ci sono delle aperture (lati rialzati) per asciugare la lana o la tela. Ha due cucine nere e una cucina bianca al piano terra, mentre l'aspetto del piano superiore è caratterizzato da un lungo e stretto balcone chiamato “gank”.

Al piano terra è raffigurata la cultura residenziale locale mentre una delle camere da letto è dedicata alla presentazione della vita e del lavoro di Vojteh Kurnik.

Vojteh Kurnik

Vojteh Kurnik (1826 – 1886) di professione faceva il carraio. Era un uomo istruito che scriveva poesie e collezionava proverbi e detti della tradizione. Durante il periodo in cui Tržič era conosciuto come un luogo di lingua tedesca, scriveva in sloveno - era il poeta di Tržič più noto del periodo romantico. Nelle sue poesie descriveva la sua città natale, i suoi abitanti, il loro lavoro e i loro costumi. Si dice che scrivesse le sue poesie su trucioli di legno e poi le ricopiava su un quaderno. Ha caratterizzato la sua poesia e i modelli che ha seguito con le seguenti parole:

“Vodnik è mio padre,
Prešeren è mio zio
e quindi sono un sostenitore
della saggezza slovena!”

Contatto e maggiori informazioni

Tržiški muzej, Muzejska 11, 4290 Tržič
T: 04 53 15 500
E: trziski.muzej@guest.arnes.si

Opening hours

By prior arrangement

Entrance fee

  • families: 5 EUR,
  • children, adolescents, students and retired: 1.50 EUR,
  • adults: 2.50 EUR
Questo sito utilizza i cookie per poterti offrire una migliore esperienza di navigazione del sito.
Questi cookie non interferiscono con la tua privacy. Più ...